Alibaba: Il bazaar mondiale fa tremare Amazon

7

Il commercio online è ormai una realtà crescente in tutto il mondo e, di conseguenza, potevamo forse aspettarci che la Cina rimanesse a guardare? Naturalmente no, come dimostra l’enorme successo del gruppo cinese di e-commerce Alibaba, che include portali web dedicati al B2B – vendita a grossisti e aziende  – ma anche portali come TaoBao e AliExpress dedicati al B2C – vendita ai singoli consumatori e vetrina per un miliardo di prodotti. Numeri alla mano Alibaba ha già incassato 160 miliardi di dollari solo nel 2012 e nel suo complesso fattura più di Amazon e E-Bay messi insieme, con tassi di crescita maggiori rispetto ai suoi concorrenti. Gli esperti prevedono che l’espansione in atto a livello globale potrebbe presto rendere il Gruppo il leader mondiale del settore. Vale quindi la pena di provare a capire il fenomeno Alibaba, andando a vedere di cosa si tratta nello specifico e quali sono le ragioni del suo successo.

Di questo ecosistema commerciale online fanno parte anche Tmall – vendita al dettaglio con più di 70mila brand – il portale Alifinance – microcrediti alle imprese – e la piattaforma di pagamento Alipay. Quanto alla solidità di Alibaba, per il momento il Gruppo domina già il mercato dell’internet retailing in Cina, che si avvia a diventare il più grande mercato e-commerce del mondo. Alibaba non risponde però all’immaginario classico stereotipato dell’impresa cinese, percepita come poco attenta agli aspetti della sostenibilità e dell’equità nel trattamento delle risorse umane. Al contrario il Gruppo porta avanti politiche aziendali volte a incentivare i dipendenti, nonché battaglie per la sostenibilità ambientale e contro il riciclaggio di denaro – l’ultima iniziativa è il divieto di utilizzare il Bitcoin sul portale. Questo anche per venire incontro al sentire comune dei consumatori cinesi i quali, pur vivendo in uno dei paesi più inquinati al mondo, risultano a sorpresa tra i più attenti al consumo sostenibile. C’è da scommettere che questa particolare sensibilità aziendale avrà un impatto sull’immagine di Alibaba anche presso i consumatori occidentali.

Shopping Online

Veniamo dunque alla parte più interessante per i singoli consumatori. Basta fare un giro sul web per scoprire come sempre più acquirenti online cerchino informazioni sul portale AliExpress, ottenendo recensioni non sempre positive da parte di chi ha già comprato dal sito. Esattamente come con E-Bay, è necessario verificare sempre i feedback attribuiti dagli utenti al singolo venditore, composti da un sistema di stelline e medaglie attribuite ai migliori venditori. Nel momento in cui si effettua un acquisto, la somma pagata viene trattenuta dal sito fino a quando il consumatore non riceve la merce e dà il proprio feedback. Gli appassionati di moda e accessori segnalano il sito come ottimo canale dove acquistare prodotti davvero simili a quelli delle grandi marche, ma a prezzi decisamente bassi. C’è da dire che altri utenti segnalano una serie di disservizi, come dimostrano i commenti sulle pagine FB ufficiali di Alibaba e AliExpress, gestite molto bene dal punto di vista dei contenuti ma molto male per quanto riguarda l’interazione con gli utenti. Risulta infatti difficile mettersi in contatto con il servizio clienti e ottenere una risposta tempestiva in caso di problemi con un ordine.

Concludendo, i fattori che hanno determinato il successo di Alibaba sono in parte contestuali – il gruppo è nato all’interno del mercato cinese, il più dinamico al mondo –  e in parte dovuti alla ampia offerta di prodotti simili a quelli di gran marca, a prezzi particolarmente bassi. Inoltre consumatori e aziende che si rivolgono ad Alibaba si trovano inseriti in grande ecosistema che comprende il B2B, il B2C, il microcredito alle imprese e una piattaforma di pagamento apposita.  Infine gioca a favore del Gruppo l’immagine di affidabilità che cerca di costruirsi tramite la quotazione in borsa, le battaglie per la trasparenza e il consumo sostenibile, l’ottima gestione dei contenuti sui canali FB, Twitter e Youtube. Ciò nonostante, resta ancora molta strada da fare se Alibaba ha davvero intenzione di affermarsi stabilmente sul mercato occidentale – in particolare dovrà lavorare affinché sia più facile contattare il servizio clienti e ricevere un aiuto in caso di problemi con il pagamento o la ricezione della merce. Parliamo di una criticità che, se non risolta, potrebbe nel lungo periodo minare l’immagine e l’affermazione del Gruppo in Europa e negli USA.

 

 

 

 

Share.

About Author

7 commenti

    • AliceMolinari on

      Thank you very much! Actually I didn’t hire out a developer :) But I’m planning to study and improve my website after a “break” due to my job duties. I’m sorry it took me so long to answer back, I’ll be posting something new soon.

  1. First of all I would like to say great blog! I had a quick question which I’d like to ask if you don’t mind.
    I was curious to know how you center yourself and clear your head prior to writing.
    I have had a tough time clearing my mind in getting my ideas
    out. I truly do enjoy writing but it just seems
    like the first 10 to 15 minutes are generally
    lost just trying to figure out how to begin. Any ideas or tips?
    Kudos!

Leave A Reply